No al Razzismo

"Odio intensamente le discriminazioni razziali in ogni loro manifestazione"
(Nelson Mandela)

Le discriminazioni su base etnica, religiosa o verso minoranze, o verso gruppi politici, sono purtroppo sempre presenti. Ancora oggi nel Mondo sono decine di milioni le persone, le popolazioni e gruppi discriminati a causa del colore della loro pelle, della loro religione, del fatto di essere minoritari nel loro ambito socio-culturale.

Il razzismo è presente anche nel web e nei social network. Su facebook proliferano moltissimi gruppi che si proclamano esplicitamente "razzisti", altri che sono palesemente discriminatori verso persone di colore, verso gli immigrati, verso questa o quella religione.

Abbiamo più volte denunciato il fatto che, proprio su facebook, in nome della libertà di espressione e di pensiero, molti gruppi "razzisti" vengono quantomeno "tollerati".

Nel Mondo, secondo una recente statistica che ha monitorato per alcuni anni in 87 Paesi il grado di "intolleranza" della popolazione verso le diversità etniche e religiose, ha elaborato una classifica dalla quale risulta che la maglia nera va ad Hong Kong, India e Bangladesh, mentre i più "tolleranti" sono gli Usa, la Gran Bretagna e il Canada.

L'Italia è classificata come Paese "non razzista" anche se nell'ultimo anno (2018-2019) gli atti discriminatori e di intolleranza verso gli immigrati e le persone di colore sono decisamente aumentate. Tra tutti i paesi europei quello più intollerante risulta essere la Francia.

Le discriminazioni non si misurano solo con le statistiche o con i sondaggi, ma si vedono anche nelle piccole cose quotidiane, nella vita di tutti i giorni, nei gesti, negli sguardi delle persone che ci circondano.

In Italia, l'Ufficio Nazionale Anti-discriminazioni Razziali del Ministero dell'Interno (UNAR) del Dipartimento delle Pari Opportunità, ogni anno elabora un "Dossier Statistico" in base alle segnalazioni ricevute.

I casi di discriminazione segnalati vengono poi sddivisi in base a tipologie su base etnico-razziale (oltre il 60% delle segnalazioni), nei contesti di vita pubblica (20% circa), accesso al lavoro e ai servizi pubblici (meno del 10% delle segnalazioni), altre minori come l'accesso alla casa, in ambito scolastico, e discriminazioni delle forze dell'ordine.

Odio intensamente le discriminazioni razziali, in ogni loro manifestazione. Le ho combattute tutta la mia vita, le continuo a combattere e lo farò fino alla fine dei miei giorni

(Melson Mandela)

NEGRA, video per denunciare il razzismo subdolo. Brano autobiografico che parla delle difficoltà di tutti coloro che hanno un colore della pelle diverso in Italia. Lei è Cecile, una "negra" di 21 anni nata a Roma. (Brano presentato al festival di Sanremo 2016)

"Ma quando mi vedi nuda vado bene anche sono NEGRA"

Condividi nei Social
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento